Come preparare un esame?

Salve colleghi!

Per molti è ancora un problema trovare un metodo di studio, ma io nel mio piccolo voglio darvi una mano con dei consigli.

Premettiamo che il miglior metodo sarebbe quello di studiare giorno per giorno, ripetere la lezione a casa e ripassare tutto in prossimità dell’esame, quando le conoscenze dovrebbero già essere consolidate. Facile a dirsi, ma non a farsi, dato che spesso gli orari sono proibitivi, sopratutto per i pendolari che devono defalcare dalla giornata il tempo cche perdono in viaggio e nelle attese e/o ritardi dei mezzi pubblici, o anche del traficco se ci si muove da soli. Per non contare poi che spesso nella stessa giornata ci sono più lezioni, e a volte anche il pomeriggio.

Ora il mio metodo prevede innanzitutto di prepararsi a un esame non all’ultimo momento, ma con un certo anticipo, diciamo almeno un mese prima della data dell’esame.

Bisogna dedicare un po’ di tempo alla pianificazione dello studio in base alle pagine del testo o dei testi da studiare.

Innanzitutto prendiamo il tempo che abbiamo a disposizione, mettiamo per esemio 28 giorni.

Un quarto dei giorni dovremo dedicarlo al ripasso, quindi togliamo una settimana dallo studio effettivo, quindi ci rimangono 21 giorni di studio e poi 7 di ripasso.

L’esame in questione necessità dello studio di due testi. Uno di 230 pagine, e l’altro di 400. In tutto le pagine sono 630.

Calcoliamo le pagine che in media dobbiamo studiare al giorno: 630/21=30 pagine.

Questa è una media, quando si assegneranno analiticamente le pagine ai giorni è conveniente tener conto dei capitoli in cui sono divisi i testi, e se manca poco a trenta o se il capitolo supera di poco trenta meglio studiarlo tutto nello stesso giorno.

A questo punto quindi si fa una breve tabella di pianificazione:

1 giorno: Capitolo I           pagine 34

2 giorno: Capitolo II          pagine 26

3 giorno: Capitolo III fino a …    pagine 30

4 giorno: Capitolo III fino alla fine   pagine 35

5 giorno : niente


ecc

22 giorno: Ripasso

ecc

28 giorno : Ripasso

29 giorno: ESAME

 

Come si evince dalla tabella, 30 non è un limite fisso, ma va adattato ai capitoli, e perché no alle esigenze personali. Per esempio un giorno o due possono essere senza studio, ma le pagine di quei giorni vanno distribuite nelle altre giornate, per esempio se necessitano 3 giorni nel nostro caso in cui non si può studiare, si procede a calcolare la nuova media di pagine da studiare: 630/18=35 pagine.

E bene anche prevenire i rischi in cui possiamo capitare, per esempio se succede qualcosa che un giorno ci impedisce di studiare. All’inizio è bene togliere dai giorni disponibili dei giorni “Rischio”, che in genere possiamo calcolare come 1/30 dei giorni. Questi giorni posso essere tolti dai giorni di ripasso. Quindi nel nostro caso i giorni di ripasso si ridurranno a 6, e uno è il giorno di rischio. Se poi quel rischio risulterà infondato, avremo un giorno in più per ripassare!

Per una questione di prudenza si può anche fare un po’ di più rispetto al previsto, ma è caldamente sconsigliato far meno del previsto. Se questo caso però dovesse capitare, bisogna ricalcolare la media delle pagine da fare nei giorni successivi, e rivedere il piano. Nel nostro caso se invece di fare 35 pagine l’undicesimo giorno ne facciamo solo 25, le dieci rimanendi si dividono per i dieci giorni rimanenti, quindi dal dodicesimo giorno in poi bisogna fare 36 pagine in media invece di 35.

Per quanto concerne il ripasso l’ideale sarebbe durante lo studio farsi dei riassunti, da studiare nei giorni di ripasso, ma questo spesso toglie troppo tempo. Un’alternativa più congeniale è prepararsi una scaletta dei principali argomenti, e se qualcuno di essi alla fine dello studio non si ricorda, si può rivedere meglio nei giorni di ripasso.

Vediamo un esempio di scaletta:

Capitolo I: Lo studio del …

1) Introduzione allo studio del…

2) Il problema della …

… ecc ecc

Capitolo II: Aspetti sulla…

1) ….

ecc

ecc

Spesso i paragrafi stessi danno la possibilità di creare la scaletta, anche se è preferibile suddividere i paragrafi in sottovoci.

Sottolineare le parti più importanti in modo da tener conto di esse nella preparazione della scaletta è consigliabile, ma questo può avvenire solo se il programma è chiaro e se si sono seguite le lezioni, mentre nel caso contrario la scaletta deve rispettare l’andamento del testo in tutte le sue parti.

Questa preparazione è consigliabile per esami orali, o comunque senza esercizi e calcoli, in caso della presenza di essi, bisogna dedicare appositamente dei giorni solo agli esercizi. Questi giorni è preferibili posizionarli nelle ultime giornate prima dell’esame, alternandoli ai giorni di ripasso, in quanto mentre di solito gli argomenti teorici rimangono più a lungo, le formule e le procedure di calcolo rimangono per poco tempo.



Consigli pratici

Infine ci sono dei consigli pratici che possiamo dare:

1) Studiare di continuo massimo un ora, dopo un ora fare una pausa di almeno 10 minuti.

2) Prima di studiare evitare di mangiare pesante ed è consigliabile dormire almeno 8-9 ore al giorno.

3)Mentre si studia bisogna essere concentrati solo sullo studio, quindi tenere lontane le fonti di distrazione.

4)Durante la pausa mangiare qualcosa di zuccheroso può aiutare a proseguire meglio lo studio in seguito.

5) Di estate studiare preferibilmente le ore meno calde della giornata.

6)Quando non ci sono lezioni il miglior momento di studio è la mattina, che è molto più produttiva.

 

 

In bocca al lupo!!!

Modesto


Come preparare un esame?ultima modifica: 2010-08-05T20:11:29+00:00da young1989

2 pensieri su “Come preparare un esame?

Lascia un Commento